terapia

terapia_iconNon è possibile guarire da AD, ma è possibile ritardare gli effetti della malattia in modo da mantenere il più a lungo possibile l’autonomia funzionale del paziente. Le terapie per l’Alzheimer si dividono in due gruppi fondamentali.

TERAPIE FARMACOLOGICHE

I farmaci per le demenze sono divisi in due ulteriori sottogruppi, a seconda dei disturbi:

Terapie dei disturbi cognitivi (memoria, linguaggio, ecc…): galantamina, rivastigmina, donepezil, memantina, ecc.

Terapie dei disturbi comportamentali (ansia, aggressività, allucinazioni, vagabondaggio, ecc…): “neurolettici atipici” come clozapina, risperidone, olanzapina, quetiapina e altri neurolettici o antipsicotici.

 

TERAPIE NON FARMACOLOGICHE

Sono essenzialmente tecniche di riabilitazione cognitiva, effettuate in centri specializzati. Sono, poi, in generale, tutte quelle sollecitazioni sociali, culturali e motorie operate dall’ambiente intorno al malato. Ecco le pratiche più diffuse.

ROT (Terapia di Orientamento alla Realtà): si pone come obiettivo quello di riorientare il paziente rispetto a se stesso, alla propria storia e all’ambiente circostante.
TERAPIA DELLA REMINESCENZA: basata sulla naturale tendenza dell’anziano a rievocare il proprio passato, il ricordo e la nostalgia possono essere fonte di soddisfazione. L’obiettivo della pratica consiste nel far emergere spontaneamente i ricordi per migliorare il tono dell’umore e la qualità di vita. La terapia incrementa la funzione cognitiva attraverso il recupero degli eventi passati.
TERAPIA DELLA RIMOTIVAZIONE: lo scopo consiste nello stimolare l’interesse per ciò che sta oltre il sé, nell’indurre il paziente a relazionarsi con gli altri ed a affrontare argomenti di attualità.
TRAINING COGNITIVO: si tratta di esercizi standard riguardanti una o più aree cognitive come la memoria, l’attenzione, il linguaggio e le funzioni esecutive.
TERAPIA DELLA VALIDAZIONE: si fonda sul rapporto empatico tra operatore sanitario e paziente.Tramite l’ascolto il terapista cerca di conoscere la visione della realtà del paziente, al fine di creare contatti relazionali ed emotivi significativi.
TERAPIA OCCUPAZIONALE: tramite l’introduzione di attività e occupazioni variegate (arti, mestieri, lavori di casa, giochi), la terapia si propone di recuperare e potenziare le abilità cognitive e funzionali residue. Favorisce anche la socializzazione.

DIVENTA VOLONTARIO

Vuoi aiutarci attivamente con le attività dell’associazione?
Entra in squadra con noi

DONA ORA

Bonifico Bancario

Bollettino Postale

 

DIVENTA SOCIO

Puoi associarti ad A.M.A. Novara Onlus, entrando a fare parte della nostra famiglia.
Perché non farlo?

SOSTIENI UN PROGETTO

PROGETTO VOCE AMICA ALZHEIMER – L’ESPERTO RISPONDE